Logo dello studio dentistico Gi.Vi.Dental

Stai cercando uno sbiancamento dentale a Monza o Seregno?

 

Gi.Vi.Dental, dentista a Monza e Seregno ti mette a disposizione questa breve ma approfondita guida su che tipo di trattamento puoi trovare nei nostri centri dentali.

 

Lo sbiancamento dentale è un trattamento di estetica dentale con un insieme di procedure, non invasive, che consente di migliorare il colore dello smalto e di rimuovere eventuali macchie dalla superficie del dente. Con il passare del tempo, infatti, lo smalto, lo strato che si trova più esternamente, tende e a macchiarsi a causa del cibo e delle bevande che assumiamo, quindi inevitabilmente si ingiallisce. La brillantezza del dente risulta, quindi, compromessa con conseguenze negative per l’estetica. Infatti è importante prendersi cura anche della parte estetica del nostro sorriso, perché avere denti più bianchi e più sani, migliora la sicurezza in noi stessi e ci fa stare meglio, nonché ottenere risultati migliori.

Sbiancamento Dentale: Cosa fare?

Al giorno d’oggi esistono diverse procedure per lo sbiancamento dei denti, è diventato, infatti un trattamento estetico molto comune, che comporta solamente un lieve fastidio. Infatti, l’intervento non è per niente doloroso né invasivo, e determina una consistente riduzione delle macchie e dell’ingiallimento dei denti.

Lo sbiancamento dentale professionale, cioè quello che viene eseguito dal dentista, viene effettuato in 3 metodi differenti:

Sbiancamento dentale professionale eseguito nello Studio dentistico

 

Lo sbiancamento dentale professionale viene eseguito dal dentista con l’ausilio di speciali apparecchiature all’avanguardia. Il materiale più diffuso che viene usato dal dentista è il perossido di idrogeno, di solito con una concentrazione del 35-37%, che grazie a particolari tipi di lampade fotopolimerizzanti sprigiona ossigeno e si attiva. L’ossigeno, che si trova in forma di gas, penetra nello smalto dei denti facendolo diventare più bianco e luminoso. Il paziente, prima di effettuare il trattamento, deve aver sostenuto una seduta di igiene dentale rimuovere il tartaro.


Normalmente una seduta dura al massimo 2 ore e per le 24-48 ore successive lo sbiancamento, è possibile provare una leggera sensibilità termica e un po’ di irritazione gengivale, che scompaiono in tempi rapidi. Inoltre viene consigliato di evitare di fumare e di assumere cibi e bevande con coloranti nelle 48 ore successive al trattamento.

Sbiancamento dentale professionale con Laser

 

Durante il trattamento, il dentista può avvalersi di altri strumenti, come per esempio le lampade al led catalizzatrici oppure Laser specifici che vengono utilizzati per sbiancare i denti. Si tratta di strumentazione professionale che non può essere reperita in commercio al pubblico. L’utilizzo o meno di questi strumenti non significa per forza garanzia di un risultato migliore, infatti non è detto che  faccia diventare i nostri denti più bianchi e quindi possa migliorare l’efficacia dell’agente sbiancante. Il dentista valuta l’efficacia del loro uso in base al prodotto sbiancante che hanno scelto, che può prevedere o meno l’abbinamento con Laser professionali di vario tipo.

 

Sbiancamento dentale professionale domiciliare

 

Lo sbiancamento dentale domiciliare si avvale  dell’utilizzo di una mascherina da indossare a casa che veicola il gel sbiancante contenente perossido di carbammide o idrogeno a bassa concentrazione con percentuali che vengono consigliate non superiori al 20%. Come nel caso dello sbiancamento professionale in studio, si esegue prima l’igiene dentale per valutare l’idoneità del paziente e rimuovere tutto il tartaro presente. Queste mascherine vengono realizzate su misura con un materiale piu o meno morbido in base alle necessità, con appositi spazi per l’inserimento del gel sbiancante denominati serbatoi.

Il paziente, quindi, viene istruito su come devono essere riempite le mascherine con il gel, che gli viene fornito dal dentista sotto forma di siringhe dosatrici. Le mascherine, per lo sbiancamento dentale, verranno indossate solamente di notte e per un periodo di tempo  che va da 4 a 8 ore, la durata del trattamento in termini temporali la valuta il dentista o l’igienista in base allo stato di salute della bocca del paziente e dal risultato richiesto dallo stesso. Il dentista, successivamente, predisporrà le visite di controllo per valutare l’efficacia del trattamento domiciliare.

Sbiancamento dentale professionale: più efficace in studio o a casa?

 

Nonostante i risultati del trattamento in studio siano immediati, dopo 2 ore massimo, lo stesso acquisisce più efficacia se unito allo sbiancamento domiciliare, che ne migliora quindi l’efficacia e contribuisce a durare più a lungo nel tempo. Recenti studi, infatti, prediligono lo sbiancamento professionale domiciliare e in studio per due motivi:

•  avendo un periodo di azione per più giorni, permette di raggiungere un risultato destinato a durare più a lungo nel tempo;
•  le percentuali basse di perossido impediscono che lo smalto dei denti abbia un periodo di ipersensibilità alla fine del trattamento.

×