VENIRE DAL DENTISTA DOPO LA QUARANTENA

Dopo l’avvio tanto atteso della Fase 2 e 3, i nostri pazienti vogliono e possono ricominciare a prendersi cura della propria salute orale, ai tempi del Covid-19. 
Molti trattamenti, rimandati negli ultimi mesi ora non possono più attendere. 


Come avviene oggi una visita odontoiatrica? 
Alla luce delle indicazioni operative emanate dal Ministero della Salute per gli addetti ai lavori che cosa cambia, in concreto, per il paziente e quali precauzioni deve prendere? 

Sin dal principio della pandemia, ci siamo interrogati su come poter gestire da quel momento in poi i pazienti che ci contattavano per le urgenze; ci siamo quindi da subito trovati a  dover sviluppare una serie di protocolli interni, sviluppati sulla base di quelli disposti dal ministero della salute, ancora più rigidi e stringenti dei precedentemente adottati, volti a tutelare maggiormente il paziente, il dentista e l'operatrice di sala riducendo il rischio di un eventuale contagio a una percentuale irrilevante.
In accordo con l'equipe medica, i direttori sanitari e lo staff abbiamo sviluppato (tramite numerosi incontri via conference call) quello che tutt'ora è il nostro nuovo “percorso” Covid-safe che accompagnerà il paziente al suo ritorno nei nostri studi dentistici, in questo nuovo periodo post quarantena.

Durante la fase più acuta dell’emergenza Coronavirus, ci siamo impegnati a gestire solo ed esclusivamente i casi di estrema urgenza, districando i casi tra il nostro studio di Seregno e l’ambulatorio medico dentistico di Monza in giornate dedicate.

Ora, con la totale ripresa delle attività, tornando alla normale routine, ci siamo organizzati per declinare nella realtà quotidiana le raccomandazioni del Ministero.
Il metodo di prevenzione e contenimento del virus nei nostri ambienti è il seguente:

In primis attuiamo quello che è il triage a distanza, contattiamo uno ad uno i nostri pazienti telefonicamente, e poniamo loro precise domande su come hanno trascorso il loro periodo di quarantena, se hanno avuto il virus o se sono entrati in contatto con persone affette negli ultimi tempi.

Non sono più ammessi accessi ne alla sede di Monza ne a quella di Seregno senza avere preventivamente fissato appuntamento ed eseguito la procedura sopracitata.
In caso di risposte positive passiamo alla 2° fase, si fissa il nuovo appuntamento e avvertiamo il paziente che si dovrà presentare con tutti i dispositivi di prevenzione personale necessari (mascherina e guanti monouso) presso il nostro punto di triage fisico allestito appositamente al di fuori di quelli che sono i locali di consueta operatività dello studio dentistico.

Nel caso in cui il paziente ci comunica durante il triage a distanza di esser stato positivo o di aver fatto quarantena forzata a causa di contatto con persone infette lo riceviamo solo dopo che ci avrà fatto pervenire copia dell’esame negativo al 2° tampone diagnostico.
Si passa alla fase del triage fisico, giunti nei nostri centri odontoiatrici, che sia la sede di Monza o quella di Seregno verrete accolti dal personale preposto che vi sottoporrà ad un ulteriore e più approfondito questionario, il quale servirà a dare massima chiarezza e tutela a tutti.

Successivamente verranno presi i parametri di temperatura e saturazione tramite gli appositi strumenti, verranno date indicazioni sull’igienizzazione delle mani e le procedure da seguire nel corso della permanenza nello studio dentistico.

Se le rilevazioni risulteranno positive si procederà ad accompagnarvi nella sala operativa dove ad aspettarvi ci saranno odontoiatra e collaboratrice adeguatamente protetti con i dispositivi DPI ; Indosseranno camici sterili monouso, mascherina fp2 o paritetica coperta da una chirurgica, guanti e cuffia monouso , occhialini protettivi e visiera.

Non ci sarà più la sosta in sala d’attesa, il paziente passerà direttamente dalla preposta area triage alla sala, senza che ci sia la possibilità di entrare in contatto con persone terze che non siano parte dello staff.

Prima di farvi accomodare sula poltrona, le nostre operatrici faranno riporre le borse e gli oggetti personali in un contenitore sterile per ridurre al minimo l’introduzione di oggetti non pertinenti alle prestazioni da eseguire

Per quanto concerne la sanificazione e sterilizzazione degli ambienti, abbiamo scelto di non affidarci a terze parti che eseguono sanificazioni ma di acquistare uno dei migliori macchinari sul mercato, lo stesso adottato da molte strutture ospedaliere per sanificare e decontaminare i reparti covid-19 e le sale operatorie, che ci consente grazie a  una miscelazione uniforme dell’agente disinfettante nel vapore in pressione di eliminare al 100% batteri e virus dagli ambienti e dalle superfici trattate, consci del fatto che la procedura di sterilizzazione attuale verrà da ora standardizzata e protratta nel tempo anche successivamente alla fine dell’emergenza covid-19.



per strutture di assoluto valore quali le nostre, dobbiamo essere certi che tutti seguano  scrupolosamente le procedure da noi standardizzate.

Il fatto di essere una realtà consolidata e attiva nel settore del dentale da più di 30 anni ci permette di investire cifre importanti nelle tecnologie e nel digitale per mettere nelle condizioni i nostri odontoiatri e collabori di avere sempre a disposizione le attrezzature più all’avanguardia.